Errori di manutenzione più comuni da evitare

Abbiamo chiesto ad un meccanico professionista quali sono gli errori di manutenzione che ha visto più spesso nella sua carriera….Si potrebbe scrivere un libro, ma oggi vi elenchiamo solo gli 8 più frequenti, cosicchè possano essere un ottimo spunto per capire cosa NON dobbiamo fare quando mettiamo mano alla nostra moto.

Ecco di seguito gli 8 errori da evitare:

  1. Trasmissione: Spesso controllando un componente della trasmissione usurato si provvede a cambiare soltanto quest’ultimo, compromettendo lo stato generale della trasmissione che vedrà accorciare la sua vita utile. Il motivo del degrado preventivo è legato agli attriti, che aumentano con lo sporco (ecco perché è importante tenere sempre pulita l’intera trasmissione ) e con gli spigoli che si vengono a creare tra un componente nuovo ed uno usato.
  2. Lavaggio: Dopo aver lavato la moto è buona norma accendere il motore, perché l’umidità che si forma dallo scarico, dal filtro aria o dai tappi motore a lungo andare può creare ossido all’interno del motore, che sarebbe deleterio per il suo funzionamento. Nel caso di moto a carburatore è consigliato anche smontare la vaschetta, per lo stesso motivo (soprattutto su modo un pò datate e che quindi possono avere guarnizioni che non “tengono” più come un tempo).
    Inoltre è sempre consigliato asciugare con aria compressa i punti più nascosti e gli interstizi più stretti per evitare anche in questo caso la formazione di ossido. Dopo l’asciugatura molti utilizzano il classico WD40 su motore e carter come protezione.
  3. Pastigle freno: “Arrivare al ferro” delle pastiglie come si dice in gergo non è consigliato, perché si può irreparabilmente rovinare il disco costringendoci a cambiare sia disco che pastiglie, spendendo ovviamente di più.
  4. Filtro aria: In ambito racing si cambia filtro aria ad ogni turno, questo la dice lunga su quanto sia importante un filtro di qualità sempre pulito ed efficiente. Vi consigliamo di lavare e oliare il filtro con prodotti specifici, lasciando decantare il filtro almeno 24h in modo da eliminare l’eccesso.
  5. Serraggi: Un controllo periodico non costa nulla e chiave dinamometrica alla mano ci vuole veramente poco tempo.
  6. Serraggi ruote: Spesso si tende a stringere eccessivamente le ruote, ma questo va ad inficiare sulla scorrevolezza e soprattutto sulla durata dei cuscinetti. Consigliamo di usare sempre la chiave dinamometrica, anche sulle ruote.
  7. Leveraggi e sospensioni: I leveraggi sono posizionati in una zona molto esposta, raccogliendo sporco, fango, polvere ecc. Per questo quando si gira nel fango o sulla sabbia è bene controllare i leveraggi, pulendoli e ingrassandoli più spesso di quanto non si faccia usando la moto su terreni asciutti e compatti. Questo consiglio vale allo stesso modo per le sospensioni dove boccole, steli e paraoli tendono a logorarsi precocemente.
  8. Scarico: Soprattutto sul 2t lo scarico va revisionato più spesso, bruciando l’olio della miscela la lana di vetro tende ad impregnarsi più velocemente, facendo così calare le prestazioni e rischiando un eventuale squalifica alle prove fonometriche (parlando di ambito racing)

Questi sono alcuni tra gli errori più frequenti facilmente evitabili, se ne conosci altri scrivili qui sotto nei commenti, sono curioso 🙂

Qui sotto trovi i prodotti usati nell’articolo:

  • Ti piacerebbe far parte di un gruppo di motociclisti che amano il Fai Da Te?
    Incontrare persone con la tua stessa passione con cui scambiare consigli, condividere progetti e tanto altro? 🔥
    Allora ISCRIVITI al gruppo chiuso “Il Motociclisti in Officina – FaiDaTe” 😎
    ecco il link per iscriverti – -> Il Motociclisti in Officina – FaiDaTe

Se pensi che l’articolo possa essere di aiuto a qualcuno condividilo tramite i tasti qui sotto, anche su Whatsapp! 👇🏻👇🏻👇🏻